Traduzione e Legalizzazione documenti


Traduzioni Semplici e Giurate

La IAS Srl è specializzata nella fornitura di traduzioni libere e giurate per qualsiasi documento come:

  • certificati di nascita
  • stato civile
  • residenza
  • certificato carichi pendenti
  • casellario giudiziale
  • diplomi
  • certificati esami svolti
  • sentenze
  • contratti
  • procure
  • affidi
  • patenti
  • carte d’identità
  • passaporti
  • documenti

I lavori di traduzione vengono affidati dai Project Manager della società a traduttori madrelingua professionisti esterni, accuratamente selezionati da IAS Srl ed iscritti all’albo dei periti presso il tribunale di Roma e Milano, per le seguenti lingue:

  • Arabo
  • Cinese
  • Francese
  • Inglese
  • Portoghese
  • Spagnolo
  • Tedesco
  • Ucraino
  • Rumeno
  • Russo

La garanzia del rispetto dei termini di consegna e della corretta trasmissione del messaggio è il risultato di un consolidato metodo di lavoro e di severi controlli seguiti dal nostro responsabile di progetto.
Il servizio di traduzione viene garantito anche per quei documenti che per poter essere fatti valere all’estero, devono essere vistati dalle rappresentanze diplomatico-consolari in Italia.
Prima della legalizzazione alcuni Consolati richiedono la traduzione giurata del documento (asseverazione) presso il Tribunale.
È importante sottolineare che la traduzione deve essere effettuata da un traduttore iscritto all’albo. 
La maggior parte dei Consolati accetta e riconosce come valide solo le traduzioni di traduttori regolarmente iscritti, le traduzioni realizzate da traduttori non iscritti potrebbero venire rifiutate.

Legalizzazione documenti
La legalizzazione è il processo di certificazione di un documento o di un atto, che ne convalida l’autenticità con pieno valore giuridico sul piano internazionale, passando attraverso le rappresentanze diplomatico-consolari, ovvero i consolati, del paese estero di interesse.
Secondo la Legge italiana, la legalizzazione della firma di un documento risulta necessaria in due casi:
legalizzazione documenti per l’estero:
serve laddove le firme apposte su un qualsiasi atto o documento formato in Italia debba avere valore legale, anche all’estero, dinnanzi a un’autorità estera.
A tal proposito si cita l’Art. 33, comma 1 del D.P.R. 28/12/2000 n°445:“Le firme sugli atti e documenti formati nello Stato e da valere all’estero davanti ad autorità estere sono, ove da queste richiesto, legalizzate a cura dei competenti organi, centrali o periferici, del Ministero competente, o altri organi e autorità delegati dallo stesso.”

legalizzazione documenti stranieri in Italia:
 occorre laddove sia necessario legalizzare, entro i confini dello Stato italiano, un documento formato all’estero.
Riprendendo sempre il D.P.R. 28/12/2000 n°445, Art. 33, comma 2: “Le firme sugli atti e documenti formati all’estero da autorità estere e da valere nello Stato sono legalizzate dalle rappresentanze diplomatiche o consolari italiane all’estero. Le firme apposte su atti e documenti dai competenti organi delle rappresentanze diplomatiche o consolari italiane o dai funzionari da loro delegati non sono soggette a legalizzazione. Si veda l’articolo 31.”
L’Apostille “Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961” é la validità dei documenti stranieri in Italia.
Nei Paesi che hanno sottoscritto la Convenzione de L’Aia del 5 ottobre 1961 relativa all’abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri, la necessità di legalizzare gli atti e i documenti rilasciati da autorità straniere è sostituita da un’altra formalità: l’apposizione della “postilla” (o apostille).
Pertanto, una persona proveniente da un Paese che ha aderito a questa Convenzione non ha bisogno di recarsi presso la Rappresentanza consolare e chiedere la legalizzazione, ma può recarsi presso la competente autorità interna designata da ciascuno Stato – e indicata per ciascun Paese nell’atto di adesione alla Convenzione stessa (normalmente si tratta del Ministero degli Esteri) – per ottenere l’apposizione dell’apostille sul documento. Così perfezionato, il documento viene riconosciuto in Italia.
L’elenco aggiornato dei Paesi che hanno ratificato la Convenzione de L’Aja e delle autorità competenti all’apposizione dell’apostille per ciascuno degli Stati è disponibile sul sito web della Conferenza de L’Aja di diritto internazionale privato al seguente link: Paesi aderenti alla convenzione dell’Aja
La IAS Srl fornisce il servizio di legalizzazione documenti:
presso tutti i Consolati di Milano e Roma, presso la Prefettura e Procura della Repubblica su documenti come:

  • Certificati di origine
  • Fatture commerciali
  • Contratti
  • Procure
  • Diplomi
  • Atti notarili
  • ecc.